Martin Margiela, the one and only

Finalmente si è conclusa l’ondata mediatica in riferimento alla collezione Maison Martin Margiela per H&M “grazie alla quale” il web è stato invaso da articoli e post sul misterioso designer che sta(va) dietro il brand Maison Martin Margiela. Sinceramente stanco, annoiato e deluso di leggere articoli confusionari mi sono deciso a fare un bel po’ di ricerche per ricostruire ed omaggiare degnamente la carriera di quel talentuoso ragazzo belga di nome Martin Margiela che nel lontano 1988 iniziò un percorso creativo unico nel suo genere, diventando uno degli stilisti più importanti degli ultimi 25 anni.

 

Martin Margiela - portrait 1997
Martin Margiela – portrait 1997

Come nelle migliori storie dei creativi di moda, il suo peculiare talento si manifesta già durante la formazione, presso la Royal Academy of Fine Arts di Anversa (1977-1980). Ha infatti la fortuna di frequentare il Fashion department negli anni di maggior fermento creativo, in concomitanza con gli “Antwerp Six“, il gruppo di stilisti diplomati tra il 1980 e il 1981 che conquistarono l’attenzione della stampa irrompendo nella fashion week londinese del 1988. Nonostante Margiela non faccia fisicamente parte del gruppo composto da Walter Van Beirendonck, Ann Demeulemeester, Dries van Noten, Dirk Van Saene, Dirk Bikkembergs e Marina Yee, ne viene generalmente considerato il settimo membro simbolico, poiché molto vicino alla loro poetica, già ispirata alla stilista giapponese Rei Kawakubo (fondatrice del brand Comme des Garçons) che influenzò la moda degli anni ’70 con tagli asimmetrici e collezioni in bianco e nero.
Antwerp Six - Marina Yee, Dries van Noten, Ann Demeulemeester, Walter Van Beirendonck, Dirk Bikkembergs, Dirk Van Saene
The “Antwerp Six” group: (from left) Marina Yee, Dries van Noten, Ann Demeulemeester, Walter Van Beirendonck, Dirk Bikkembergs, Dirk Van Saene – London Fashion Week 1988

 

Nell’estate del 1988, dopo alcune esperienze da stylist freelance e come assistente di Jean Paul Gaultier (1985-87), Martin Margiela debutta al Café de la Gare di Parigi con la sua prima collezione di abbigliamento femminile Maison Martin Margiela Primavera Estate 1989Su una passerella di cotone bianco propone uno show al confine con la performance artistica, in cui modelle “bagnate” di vernice rossa sfilano con il volto completamente coperto da una maschera di stoffa, un giusto escamotage per focalizzare l’attenzione unicamente sugli abiti. La visione fu shockante e sbalordì tutti i presenti, ma la decostruzione e la ricomposizione di capi vintage come i grembiuli da macellaio trasformati in abiti da sera, le giacche ottenute da un vecchio abito di tulle e gli stivaletti con tacco cilindrico ispirati ai Tabi giapponesi divennero presto leggenda. (Tabi = calzini tradizionali giapponesi con l’alluce separato dalle altre dita del piede, riproposti in tutte le collezioni di Margiela dal 1988 fino ad oggi).
Maison Martin Margiela - S/S 1989 Women’s show - Photo Raf CoolenMaison Martin Margiela - S/S 1989 Women’s show
S/S 1989 Women’s show – (Photo: Raf Coolen – mmm-maisonmartinmargiela)Maison Martin Margiela - S/S 1989 - Silk Tattoo top - Photo - Ronald StoopsMaison Martin Margiela - A/W 1989 - Tabi boots - Photo Ronald Stoops
S/S 1989 – silk tattoo top; Tabi boots (Photo – Ronald Stoops – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1989 Women’s show - First jacket with round shoulders
S/S 1989 – First jacket with round shoulders (Photo: mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1989 - Jean Paul Gaultier at first Maison Martin Margiela fashion show
Ad assistere alla sfilata tra il pubblico non poteva mancare il suo mentore Jean Paul Gaultier.
 
Con il telo macchiato di vernice rossa usato come passerella nella prima sfilata cuce dei gilet per la collezione Autunno Inverno 1989/1990 che lo consacrano definitivamente come stilista concettuale al di sopra delle logiche e degli schemi della moda conformista degli anni 80. La scelta di materiali imperfetti ed usati, è infatti un palese gesto di ribellione al diffuso consumismo dell’epoca, proprio come 20 anni prima avevano fatto gli hippies vestendosi solo ed esclusivamente con capi comprati nei mercatini dell’usato.
Maison Martin Margiela - A/W 1989 - Explanatory sketch for an outfitMaison Martin Margiela - A/W 1989 - vest made from the red paint-stained cotton of the SS89 catwalk
A/I 1989 – Schizzo esplicativo per un’uscita della sfilata;
gilet realizzato con il tessuto usato come passerella per la sfilata P/E 1989 
Maison Martin Margiela - A/W 1989 - porcelain vest
A/I 1989 – gilet in rete con frammenti di piatti di porcellana
(non vi ricorda qualcosa di cui ho già scritto?) – (Photo:MoMu)
 

Margiela è affascinato dall’idea di poter dare una seconda vita agli abiti vintage rimodellandoli grazie alla sua abilità sartoriale e si offende quando i giornalisti lo etichettano come de-costruttore, perché la sua moda non ha una valenza distruttiva/negativa, ma anzi, è legata al concetto di rinascita. Si diverte a giocare con le proporzioni mettendo in discussione la portabilità e la percezione degli abiti mostrando fodere e orli sfilacciati o utilizzando il rovescio dei tessuti nella parte esterna dei capi. Il suo modo di fare moda anticipa i tempi e presto tutti gli occhi sono puntati sulle sue novità che vengono riproposte e rilette dagli altri stilisti fino a due o tre anni di distanza trasformandole in tendenze commerciali.
Maison Martin Margiela - S/S 1990 - INVITATION
Gli inviti per la sfilata P/E 1990 furono realizzati dai bambini delle scuole vicine all’head-quarter della maison. (Photo: mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1990 - Backstage - Photo Raf Coolen
S/S 1990 – Backstage – (Photo: Raf Coolen – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1990 - Photo Tatsuya KitayamaP/E 1990 – Una canottiera ingrandita in scala del 200% costretta in una maglia di rete aderente si trasforma in drappeggiato abito lungo da sera
(Photo: Tatsuya Kitayama – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - A/W 1990 - Photo Ronald StoopsMaison Martin Margiela - S/S 1991 - Photo Ronald Stoops
A/W 1990S/S 1991 (Photo: Ronald Stoops – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - A/W 1991 - Photo Ronald Stoops
A/W 1991 – (Photo: Ronald Stoops – mmm-maisonmartinmargiela
Maison Martin Margiela - S/S 1992 - show in Saint-Martin metro
La sfilata Primavera Estate 1992 si tenne nella stazione della metropolitana Saint-Martin di Parigi, chiusa dal 1939 e illuminata appositamente per lo show con la luce di 1600 candele. (Photo: mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1992 - Photo Marina FaustMaison Martin Margiela - S/S 1992 - Photo Ronald Stoops
Maison Martin Margiela - S/S 1992 - Photo Ronald StoopsMaison Martin Margiela - S/S 1992 - Photo Ronald Stoops
P/E 1992 – Sulla pelle delle modelle erano dipinti motivi decorativi tratti dai capi indossati e sul naso, vicino all’angolo interno degli occhi erano applicati due brillanti. (Photo: Ronald Stoops – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1992 - Photo Barbara Katz
P/E 1992 – Capi realizzati con vecchi foulard.
(Photo: Barbara Katz – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - A/W 1992 - Photo Ronald Stoops Maison Martin Margiela - A/W 1992 - Photo Ronald Stoops
A/W 1992 – (Photo: Ronald Stoops – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1993 - Photo Tatsuya Kitayama
S/S 1993 – Backstage (Photo: Tatsuya Kitayama – mmm-maisonmartinmargiela)
A/I 1993 – maglione in jacquard rovesciato – (Photo: mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1994 - Photo Anders Edström
Maison Martin Margiela - S/S 1994 - Photo Tatsuya KitayamaMaison Martin Margiela - S/S 1994 - Photo Tatsuya Kitayama
P/E 1994 – Collezione retrospettiva presentata in un ex-supermercato con gli outfit più iconici dal 1989 al 1993; jeans tinti a mano facenti parte della linea Artisanal. Sui colli delle modelle erano dipinti i nomi delle collezioni che indossavano.
(Photo: Anders Edström, Tatsuya Kitayama – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - A/W 1994 - Photo Nick TupinMaison Martin Margiela - A/W 1994 - Photo: Marina Faust
A/I 1994 – Le collezioni furono presentate contemporaneamente in sei città (Paris, London, New York, Tokyo, Milano e Bonn) direttamente nei negozi, sostituendo lo show Parigino. (Photo: Nick Tupin – mmm-maisonmartinmargiela, Marina Faust – cotonblanc)
Maison Martin Margiela - A/W 1994 - Photo Anders EdströmMaison Martin Margiela - A/W 1994 - Photo Anders Edström
A/I 1994 – Gli abiti di un guardaroba delle bambole sono stati ingranditi di 5,2 volte per raggiungere una scala umana. Tutti i dettagli sproporzionati come bottoni e chiusure lampo sono stati mantenuti nelle dimensioni risultanti dall’ingrandimento. 
(Photo: Anders Edström – cotonblancmmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1995 Maison Martin Margiela - S/S 1995
S/S 1995 – Backstage (Photo: Stopdropandvogue, sombreboite)
Maison Martin Margiela - A/W 1995 - Photo Marina FaustMaison Martin Margiela - A/W 1995 - Photo Ronald Stoops
Maison Martin Margiela - A/W 1995 - Photo Ronald Stoops
A/I 1995 – Le modelle della sfilata nel tendone da circo al Bois de Boulogne di Parigi avevano il volto coperto con un velo di mussola scuro, tolto all’uscita finale portando palloncini fucsia in mano.  (Photo: Marina Faust, Ronald Stoops – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1996 - Photo Guy VoetMaison Martin Margiela - S/S 1996 - Photo Anders Edström
Maison Martin Margiela - S/S 1996 - Tabi sandal
P/E 1996 – Le fotografie di alcuni capi di abbigliamento sono state stampate su tessuti leggeri e fluenti successivamente usati per costruire abiti semplici e minimali con l’effetto trompe-l’oeil. Tabi in versione sandalo, con la parte superiore costituita da scotch da pacchi trasparente passato ripetutamente attorno alla suola e al piede. (Photo: Guy Voet, Anders Edström – mmm-maisonmartinmargielacotonblanc)
Maison Martin Margiela - A/W 1996 - Photo Anders EdströmMaison Martin Margiela - A/W 1996 - Photo Maison Martin Margiela
Maison Martin Margiela - A/W 1996 - Photo Marina FaustMaison Martin Margiela - A/W 1996 - Photo Ronald Stoops
A/I 1996 – Sulla fronte delle modelle era dipinta una maschera marrone, mentre i denti erano stati tinteggiati di bianco brillante. 
(Photo: Anders Edström, Marina Faust, Ronald Stoops – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 1997 - Photo Ronald Stoops
P/E 1997 – Un tessuto non rifinito viene trasformato in un abito dall’orlo irregolare (Photo: Ronald Stoops – mmm-maisonmartinmargiela)

S/S 1997 – iconic jacket – mmm-maisonmartinmargiela
Maison Martin Margiela - A/W 1997Maison Martin Margiela - A/W 1997
A/W 1997
Maison Martin Margiela - S/S 1998 - Photo Mark BorthwickMaison Martin Margiela - S/S 1998 - Photo Martin Margiela
S/S 1998
Maison Martin Margiela - A/W 1998 - Photo Mark BorthwickMaison Martin Margiela - A/W 1998 - Photo Mark Borthwick
Maison Martin Margiela - A/W 1998 - Photo Mark BorthwickMaison Martin Margiela - A/W 1998 - Photo Mark Borthwick
A/W 1998 – Photo: Mark Borthwick – mmm-maisonmartinmargiela
Nella seconda metà degli anni ’90 una particolare tendenza colpisce i vertici delle maison più importanti d’Europa: è il momento di cambiare i direttori creativi puntando sulle nuove leve. In quegli anni nascono impensabili abbinamenti che portano una ventata d’aria fresca in un sistema moda già vecchio: Tom Ford stravolge il concetto di lusso di Gucci, rendendolo un marchio sexy e sfrontato; Marc Jacobs inizia la lunga liaison con Louis Vuitton; l’hooligan della moda Alexander McQueen approda da Givenchy sconvolgendo la poetica del marchio; John Galliano è il bizzarro ed eccessivo nuovo interprete di Christian Dior, mentre Martin Margiela dalla stagione Autunno/Inverno 1998/99 fino al 2003 passa a capo della maison Hermès. Un’accoppiata controversa, inizialmente schernita e non capita dalla stampa, ma che dà modo a Margiela di confrontarsi con la lunghissima tradizione artigianale del brand francese, sperimentando la costruzione degli abiti con forme minimali giocate sulla leggerezza dei materiali di prima scelta.

Hermès by Martin Margiela – A/W 1998 – A/W 2002 – A/W 2003 – S/S 2003

 

La nuova carica di direttore creativo per Hermès non gli impedisce di portare avanti l’evoluzione del proprio brand e anzi, dopo dieci anni dedicati all’universo femminile, nel 1998 lancia la linea maschile con la collezione Primavera Estate 1999.
P/E 1999 – Debutto della collezione maschile: Targhetta metallica militare oversize;
Scarpe e scarponcini vintage dipinti di bianco; completo scuro
(Photo: Marina Faust, Ronald Stoops – mmm-maisonmartinmargiela)
 

Il successo di nicchia acquisito negli anni 90 da un marchio controverso come Maison Martin Margiela è la testimonianza di come non tutti i clienti del lusso fossero schiavi del logo o dell’immagine dei designer-celebrità. Sin dall’inizio infatti la strategia di marketing di Margiela si fonda sul culto dell’impersonalità, ovvero la “mancanza di un designer di riferimento da osannare“, tanto che gli unici suoi ritratti esistenti sono foto scattate in attimi rubati durante i backstage delle sfilate. Una filosofia in netto contrasto con il mondo dell’apparenza e che in un certo senso ha nobilitato il concetto stesso di moda innalzandola ad arte colta, sciolta dalle leggi del mercato di massa grazie anche ad una sorta di ironico e pungente snobismo. Basti solo pensare che le boutique del marchio non sono registrate sugli elenchi telefonici e non hanno insegne; la divisa per il personale dei negozi e degli uffici è il camice bianco da laboratorio; tutti i negozi sono caratterizzati dal colore bianco così come il packaging è anonimo e senza logo.  A tutti questi aspetti legati al marketing si aggiungono anche le peculiarità riguardanti le sfilate come: le modelle con il volto o gli occhi coperti; le location sporche, in edifici dismessi e decadenti, in netto contrasto con i luoghi solitamente deputati al lusso; la mancanza di gerarchie dei posti a sedere, per i quali vige la logica del chi prima arriva, meglio alloggia (first-come, first-served); le interviste rilasciate solo ed esclusivamente via fax e infine, l’aspetto fondamentale, per enfatizzare il senso di collaborazione viene sempre usato il plurale, non focalizzando l’attenzione sul singolo designer, ma sull’intero gruppo di persone che costituisce il team Maison Martin Margiela.
Maison Martin Margiela - A/W 1999 - Photo Maison Martin MargielaMaison Martin Margiela - A/W 1999 - Photo Maison Martin MargielaMaison Martin Margiela - A/W 1999 - Photo Maison Martin Margiela
A/I 1999Presentazione video della collezione invernale con piumoni da letto usati come cappotti foderati di vecchie lenzuola vintage, che a loro volta possono essere indossate come abiti. Non mancano i dettagli divertenti come i calzini di lana lunghi alle ginocchia indossati sopra le calzature.
P/E 2000 – foto del fitting delle modelle; Chloë Sevigny in un servizio fotografico per Purple Magazine indossa abiti maschili oversize
(Photo: Mark Borthwick – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - A/W 2000 - Photo Michael Thompson - Styling Grace Coddington
A/I 2000 – Collezione Oversize realizzata con abiti modellati sulla taglia italiana 78.
(Photo: Michael Thompson – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 2001
S/S 2001 – Photo: cotonblanc
Maison Martin Margiela . A/W 2001 Maison Martin Margiela . A/W 2001 Maison Martin Margiela . A/W 2001
A/I 2011 – La sfilata si tenne negli ambienti delle fondamenta del Ponte Alessandro III, allestito con una serie di pedane quadrate attorniate da tende di perline finte. Modella e assistente mentre corrono sotto la pioggia nel backstage all’aperto. (Photo: cotonblanc)
Maison Martin Margiela - S/S 2002. Line 10 - Photo Guy Voet - White leather jacket with plain applique logos.
P/E 2002 – Giacca bianca con applicazioni a contrasto
(Photo: Guy Voet – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - A/W 2002 - Photo Jacques Habbah
A/I 2002 – Per la linea uomo, dei jeans vintage sono stati trasformati in pantaloni classici. Da notare i dettagli delle tasche frontali e posteriori totalmente ricostruite. ( Photo: Jacques Habbah – mmm-maisonmartinmargiela)

Nel 2002 MMM viene comprata dal brand Diesel del poliedrico imprenditore Renzo Rosso, ma ciò porta inevitabilmente una serie di profondi cambiamenti a livello organizzativo, e non solo. Nonostante le collezioni continuino ad essere presentate di anno in anno, la stampa inizia a sospettare che a capo della maison non vi sia più Martin Margiela e che molto probabilmente abbia lasciato il suo ruolo per pareri discordanti sulle politiche di marketing e di espansione introdotte dal nuovo proprietario.
Maison Martin Margiela - S/S 2003 - Photo View on Colour - Silver film applied to a vintage slip.
P/E 2003 – trucco simile ad una maschera, pellicola d’argento applicata su una vestaglia vintage 
(Photo: Ian R. WebbSilver, View on Colour –  mmm-maisonmartinmargiela)
A/I 2003 – Le modelle erano illuminate da due ragazzi che indossavano pannelli luminosi
(Photo: mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 2004 - Photo Horst DiekgerdesMaison Martin Margiela - S/S 2004 - Photo Ola Rindal
S/S 2004 – Photo: Horst Diekgerdes, Ola Rindal – mmm-maisonmartinmargiela
Maison Martin Margiela - A/W 2004 - Men’s presentatiion - Photo Jacques HabbahMaison Martin Margiela - A/W 2004 - Photo Sybille Walter & Samuel Drira
A/I 2004 – collezione maschile
(Photo: Jacques Habbah, Sybille Walter  Samuel Drira – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 2005 - Photo Jacques Habbah
P/E 2005 – (Photo: Jacques Habbah – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 2005 Line 14 - Photo Marina Faust - Reproduction of a doctor’s coat from the 1920s
P/E 2005 – Dal 2003 vengono introdotti nelle collezioni dei capi chiamati Replica, ovvero delle fedeli riproduzioni di capi vintage provenienti da qualsiasi epoca. In questo caso abbiamo un soprabito maschile anni Venti. (Photo: Marina Faust – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - A/W 2005 - Photo Marion Poussier
A/I 2005 – Trench dalla forma particolare derivata dall’azione di ripararsi dalla pioggia pur non avendo il cappuccio. In realtà il collo e le spalle sono allungate proprio con il taglio di un cappuccio, che se non usato avvolge le spalle. (Photo: Marion Poussier – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - A/W 2005 - Artisanal Wedding dress
A/I 2005 – Pezzo della produzione Artisanal in cui vengono rielaborati abiti e accessori vintage con un nuovo spirito. In questo caso tre abiti nunziali smembrati e ricomposti in un unico abito da sera di stoffe diverse. (Photo: Marina Faust – mmm-maisonmartinmargiela)
P/E 2006 – Gilet realizzato con carte da gioco assemblate su una base di nappa esposto alla Mostra Maison Martin Margiela “Artisanal” presso la Galleria
Carla Sozzani-Corso Como 10 di Milano (Photo: Marina Faust – mmm-maisonmartinmargiela)
P/E 2006 – Ice cubes jewelry – (Photo: Jonathan Hallam –  mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - A/W 2006 - Pitti Uomo Teatro Puccini FirenzeMaison Martin Margiela - A/W 2006 - Pitti Uomo Teatro Puccini Firenze
A/I 2006 – MMM invitato come special guest a Pitti Uomo 69 con la presentazione della collezione nel Teatro Puccini di Firenze.
(Photo: PittiImmagine archive – cotonblanc)
Maison Martin Margiela - S/S 2007 - Photo Johnny GembitskyMaison Martin Margiela - S/S 2007 - Photo Marina Faust
S/S 2007 – Photo: Johnny Gembitsky, Marina Faust – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - Artisanal A/W 2007 - Jewelry as a dress
Artisanal A/W 2007 – Jewels dress – mmm-maisonmartinmargiela
Maison Martin Margiela - S/S 2008 -eyewear collection
P/E 2008 – collezione di occhiali da sole Incognito, ispirati al segno di penna usato per cancellare gli occhi delle modelle nei look-book (Photo: Maison Martin Margiela – mmm-maisonmartinmargiela)
Maison Martin Margiela - S/S 2008 - men's collectionMaison Martin Margiela - S/S 2008 - men's collection
S/S 2008 – menswear collection – mmm-maisonmartinmargiela
Maison Martin Margiela - A/W 2008 black rubber barbedwire waistcoat - Photo Mark SegalMaison Martin Margiela - A/W 2008
 

Di lì a qualche anno le voci diventano sempre più insistenti finché un insider dell’azienda afferma che già dal 2007 Martin Margiela aveva delegato la progettazione delle linee ai vari team creativi, dedicandosi solo a pochissimi progetti speciali come la realizzazione del profumo e lasfilata del ventesimo anniversario della maison. Il segreto di Pulcinella viene rivelato ufficialmente solo nell’Ottobre 2009 quando lo stesso Renzo Rosso conferma che Martin Margiela non disegna più per il brand da molto tempo e che non vi è intenzione di sostituirlo, puntando invece sulla forza di un nuovo team creativo e giovane.


Maison Martin Margiela - S/S 2009 disco-mirror tuxedo jacket - Photo Lachlan Bailey
S/S 2009 – Disco-mirror tuxedo jacket
(Photo: Lachlan Bailey – mmm-maisonmartinmargiela)
A/W 2009, S/S 2010, A/W 2010, S/S 2011, A/W 2011, S/S 2012 – style.com
S/S 2010S/S 2011, A/W 2012, S/S 2013 – style.com
 

E’ stata un’uscita di scena in silenzio, proprio come il suo ingresso, ma non potevamo aspettarci altro da uno stilista invisibile. Attualmente la sensibilità del marchio è cambiata, le collezioni sembrano voler suscitare stupore e sorpresa rileggendo gli elementi d’archivio secondo il classico concetto di vestibilità e portabilità. Si percepisce un approccio decisamente più commerciale e la collaborazione con la catena low cost H&M (Novembre 2012) ne è la riprova.

Alessandro Masetti  – The Fashion Commentator
 
Photo and web references: 
style.com/ mmm-maisonmartinmargielacotonblanc/ fashionencyclopedia.com/ independent.co.uk/ guardian.co.uk/ nationalpost.com/ jcreprot.com/ hypebeast.com/ amagazinecuratedby.com/ contemporaryfashion.net/ honeyee.com/ nytimes.com/ businessoffashion.com 
Maison Martin Margiela for H&M collection (Nov 2012)

46 Comments

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2010 - Alessandro Masetti