Trend report

Fall Winter 2012 Trend #7 – Androgynous

Marlene Dietrich - pant suitGreta Garbo - androgynous look

In the film and fashion
industries, there are many divas who made history by wearing male
suits. You can think about the libertine and eternal rivals Marlene
Dietrich
and Greta Garbo, or the casual-androgynous
Katharine Hepburn, not to mention iconic garments such as the
tuxedo for women by Yves Saint Laurent (mid 60s) and the
destructured pant suit by Giorgio Armani (80s).
Although these examples
seem to belong to the past, from the catwalks we can definitely say
that the androgynous look is one of the Autumn Winter 2012 trends.
There are many variations and styles for the daywear such as
the entire Ralph Lauren collection, inspired by the English
tailoring
, where checked
tartan
and tweed
seem to clash in a perpetual duel on the catwalk. The same large
silhouette with tight jacket and waistcoat, are proposed even by
Trussardi in plain colour, with contrasting accessories.
Note the length of the pants, just upon the ankles to show the boots.
Rock mood from the
50s for Scognamiglio and Iceberg, designed for rebel and
strong women.
Great classics: the
unstructured Armani jackets, as well as the tuxedo proposed by
Peter Dundas for Emilio Pucci or in velvet and gold
embroideries
by Etro.
Details: men’s shoes not
only ankle boots and moccasins, but also boots with pseudo-gaiters
(Fendi) or bicolored slippers reminiscent of men’s laced
shoes
(Emporio
Armani
).

Nel cinema e nella
moda, sono tante le dive che hanno fatto storia indossando
completi da uomo
, basti pensare alle libertine ed eterne rivali
Marlene Dietrich e Greta Garbo o ai look
casual-androgini di Katharine Hepburn per non citare capi
icona come lo smoking per signora ad opera di Yves Saint Laurent a
metà anni ’60 e i tailleur pantalone destrutturati di Giorgio
Armani
negli anni ’80.
Nonostante questi
grandi esempi sembrino appartenere ad ere passate, guardando le
passerelle possiamo decisamente dire che l’abbigliamento maschile,
androgino, è uno dei trend per la stagione Autunno Inverno 2012
.
Tante le varianti e gli stili che non si limitano alla sera, ma
coinvolgono anche mise da giorno come l’intera collezione di Ralph
Lauren ispirata ai capi classici della sartoria maschile inglese

in cui fantasie tartan e tweed sembrano scontrarsi in un perenne
duello. Le stesse silhouette molto ampie, con giacca avvitata e
panciotto, vengono riproposte in tinta unita da Trussardi in cui
l’unico punto di colore contrastante ricade su borse e stivaletti
.
Qui è da notare la lunghezza del pantalone, mozzata ben sopra la
caviglia, per far risaltare gli stivaletti.

Mood rock anni 50
per Scognamiglio e Iceberg
, per ragazzi forti e decise, ben oltre
le righe.
Immancabili le giacche
destrutturate di Armani
, classiche ed eterne; così come i
tuxedo proposti da Peter Dundas per Emilio Pucci in tinte chiare

o in velluto e ricami dorati per Etro.
Look maschile anche
per le calzature non solo polacchine e mocassini, ma anche stivaletti
con pseudo ghette (Fendi) o pantofole bicolore che ricordano la coda
di rondine delle scarpe stringate(Emporio Armani)
.

 
Ralph Lauren

Trussardi 
Francesco Scognamiglio – Iceberg
Giorgio Armani
Emilio Pucci
Etro

Derek Lam – Donna Karan
Emporio Armani – Fendi

 Click here to see more New York trendsClicca qui per vedere altri trend NewYorkesi
Click here to see more Paris trends/ Clicca qui per vedere gli ultimi trend Parigini
Click here to see more London trendsClicca qui per vedere i trend da Londra
Click and discover the other FW 2012 Trends/ Clicca e scopri anche gli altri Trend AI 2012

8 thoughts on “Fall Winter 2012 Trend #7 – Androgynous”

    1. Questa volta concordo, per le donne formose è un po’ più difficile da gestire per via della lunghezza della giacca. Se è molto lunga rischia di sembrare obsoleta, ed in più, il punto vita è fondamentale proprio per differenziarsi dal taglio dell’uomo. 🙁

  1. Adoro lo stile androgino, specie per la lunghezza e il taglio delle giacche. Quando penso a questo genere, il tailleur di YSL è il primo pensiero, seguito da Marlene, che tu hai citato e che adoro. E’ una questione di gusti, ma la preferisco rispetto alla burrosa Marilyn, specie per il guardaroba e le mise sfoggiate nei suoi film cult.
    Quest’inverno mi vorrei cimentare nel creare un completo ispirato a questa tendenza, anche perché su una minuta come me, credo potrebbe risultare più femminile di tanti vestitini banali e sicuramente non scontato.

    Un bacio, G
    In Moda Veritas Blog | Facebook | Bloglovin’

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.