Men

Milano Man’s Fashion Week FW 2012 – Part Two

Il secondo giorno di sfilate sembra rivendicare la necessità di più colori, anche se la percentuale di nero e grigio avanza incontrastata. 

The second day of the fashion week seems to assert the necessity of more colors, although the percentage of black and gray is advancing.

Bottega Veneta propone classici completi totalmente stravolti dalle stampe, non piccoli motivi decorativi, ma giochi grafici geometrici a contrasto, grandi strati di vernice impermeabilizzante e un effetto tintura sbagliata con tanto di pieghe in vista. Sicuramente uno stile non italiano. Insolite anche le scarpe di pellami misti, in questo caso vitello spazzolato sfumato e pitone colorato.

Bottega Veneta proposes the formal suit totally altered by the prints, no more small decorative motifs, but big polka dots, large layers of waterproofing paint or a wrong dyeing effect  with lots of folds. Definitely a not Italian style. Unusual even the shoes in mixed leathers as brushed calfskin and colored python.

Calvin Klein perde le forme esagerate e i grandi volumi delle ultime collezioni recuperando una silhouette più aderente, ma comunque rilassata. La pelle di coccodrillo nelle tinte blu e nero orna maglioni e zaini per riproporsi anche su giacche, pantaloni e scarpe anche color cammello. Per i completi formali, total look grafici puntinati di mille colori che creano un effetto cromatico grigio azzurrato molto particolare per un uomo giovane ed estroso che non ha paura di osare con le regole formali.

Calvin Klein loses the exaggerated shapes and large volumes of the latest collections by retrieving a thinner silhouette, but still comfortable fit. The blue and black crocodile leather enriches sweaters and backpacks, and recurs also on jackets, pants and shoes. The formal total look is composed with thousand of dotted colors that create a special blue gray texture, for a young man who is not afraid to dare.

Miuccia Prada questa volta ha puntato su capi molto più rigorosi che rispettano leggi formali di altri tempi. Dalla Russia con furore, uomini in divisa, ritratti del potere politico e dell’autorità senza nessun tipo di operazione nostalgia. Giacconi doppio petto con baveri in pelliccia si stagliano su una passerella rosso fuoco con motivi geometrici a contrasto, proprio come nelle grandi sale di rappresentanza. Pantaloni a sigaretta dalla vita alta si abbinano a gilet con panciotto o a vestaglie talmente raffinate da potersi usare come capospalla. Tra i dettagli: gli occhialetti con montatura tonda e le spillette appuntate sul taschino, opere d’arte astratta che donano più autorità all’ensemble. Le scarpe classicissime stringate in pelle che riecheggiano le tipiche scarpe con la copertura in gomma antipioggia, prepariamoci già da ora a rivederle per tanti altri anni su fashionisti e non.

Miuccia Prada this time has focused on formal wear of other ancient times: Russian men in uniforms, perfect portraits of the political powers and authorities. Double-breasted jackets with fur collars stand on the red catwalk decorated with geometric motifs in contrast, just like in a big boardrooms. High-waisted trousers are worn with vest or so refined housecoat that could be used as coat. Details: the round-rimmed glasses and the pins on the pocket, abstract works of art that give more authority to the outfit. Shoes: leather lace-classic shoes that seem to have waterproof rubber cover, get ready from now to see them at fashionistas’ feet. 

Per Trussardi viaggio negli anni 70 con gentiluomini jetsetter chic con maxi valigie weekend o buontemponi quasi malfattori che si arrendono facilmente ai piaceri del vino con tanto di bottiglia-a-porter. Coppole, occhiali a mascherina e pantaloni a zampa sono declinati in piacevoli tonalità di colori caldi che sembrano stonare con il clima delle sfilate di questa edizione. 

At Trussardi we can enjoy a travel back to the 70’s with jetsetter gentlemen with big weekend bags or revelers (almost criminals) who easily surrender to the pleasures of wine with a bottle-to-wear. Caps, goggles and bell-bottom pants are declined in pleasant shades of warm colors that seem out of tune with the spirit of the next year’s fashion trends.

Il bordeaux è il colore che caratterizza le collezioni di Missoni e Salvatore Ferragamo. Il primo è informale e ripropone i giochi lineari su cardigan, calzini e giacche, il secondo molto più classico su splendide giacche da sera con revers in raso nero e chiusura a un bottone e pantaloni a sigaretta con motivo checked. Missoni oltre al grigio di base aggiunge alla collezione dei tocchi di verde scuro e melma, mentre Ferragamo punta sul blu elettrico e sul grigio, sempre di grande effetto in versione pelliccia. Per le scarpe, due filosofie che reinterpretano il vitello spazzolato: mocassino con frange e nappine per Missoni, scarponcino sfumato per Ferragamo. 

The burgundy is the color that characterizes both the collections of Missoni and Salvatore Ferragamo. The first is informal and proposes his classical linear motifs on cardigans, socks and jackets, the second prefers dinner jackets with a button closure and the black satin lapels matched with slim trousers with a checked pattern. Missoni (in addition to the gray) adds a touch of dark green, while Ferragamo focuses on electric blue. For the shoes, two way to reinterpret the calf brushed philosophy: moccasins with fringes and tassels for Missoni, nuanced boots for Ferragamo.



Infine Emporio Armani ed il suo ragazzo dalle sobrie linee pulite. Come sempre molto blu e nero, e la bellezza dei dettagli: giacconi foderati in bianco con bordino a vista che disegnano una linea curva, le borse in tessuto e in cavallino, le scarpe con frange applicate con le stringhe, i capispalla stretti in vita con la cinta o i cappelli eleganti e retrò a metà tra il basco e il colbacco. 

In the end Emporio Armani with his linear shapes, as always in blue and black, and the beauty of the details: coats lined with white silk, the furry bags, the shoes with fringe applied with the laces, jackets with the belt at the waist or the stylish and retro hats looking like a beret and a cap together.

8 thoughts on “Milano Man’s Fashion Week FW 2012 – Part Two”

  1. Bel report 😉 Io non ho avuto tempo di dare un’occhiata alle sfilate quindi mi sono “informata” qui. Bel post come sempre. Mi piacciono i look di Bottega Veneta anche se fin’ora il mio show preferito è stato quello Valentino uomo al Pitti. 🙂

    1. A me ha fatto ridere la passerella Trussardi, quando ho visto i modelli sorridenti che portavano i fiaschi di vino bianco in mano, ho pensato subito all’Italia di provincia anni ’70. 😉 Anche se guardando lo streaming in diretta, mi infastidivano le MaryJane in vernice di Anna dello Russo che dondolavano in primo piano con un riflesso assurdo! -.-“

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.